LA REPUBBLICA DEI LEMMINGS

Nella repubblica dei Lemmings sono tutti convinti che il mondo sia sempre sostanzialmente rimasto uguale a quello che hanno conosciuto nella loro vita da quando sono nati.  Tutti i lemmings vivono  in una conca circondata da basse colline ma nessuno ha mai sentito il desiderio di sapere cosa succeda al di là di quel margine ondulato. Tutto si svolge in quella piccola conca che li ha visti nascere e sono convinti che tutta la lor vita di lemmings si svolgerà lì.

Non c’è mai stato un inizio, non ci saranno cambiamenti nel futuro. In una sola cosa credono fermamente: nella “crescita”. Questo è il loro punto fermo la fede che è stato loro inculcata fin dalla nascita: se ci sono difficoltà, se c’è una crisi bisogna aspettare che arrivi la “crescita”. Basta che ci sia la “crescita” e oplà tutto andrà a posto in un batter d’occhio.

Si incontrano nelle loro sterminate riunioni e “crescita” dice all’improvviso uno dei lemmings uscendo da un attonito silenzio; crescita! gli risponde di rimbalzo il vicino quasi per un riflesso condizionato e poi piano piano contagiandosi uno con l’altro, crescita, crescita, crescita, crescita senti un ronzio, un mormorio, diffondersi dovunque fino a diventare quasi un rombo.

Poi si guardano in giro e vedono che non ci sono più piante da tagliare per accendere un fuocherello o riserve di cibo nelle madie così pian piano il rombo si smorza e tutti i lemmings ricadono in un attonito silenzio.

A nessuno viene in mente di salire sulla collina di fronte per vedere se per caso dietro a quell’ostacolo ci sono altri boschi e altri campi.

Pian piano i lemmings cadono morti uno a uno e nell’ultimo rantolo “crescita” gorgoglierà l’ultimo lemming prima di tirar le cuoia….

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *